La mia vita era senza senso prima.


Adesso ditemi che voi eravate a conoscenza di questo meraviglioso sito e potrò dire di sentirmi completamente inutile. Oggi ho svoltato: esiste tutto un mondo, nemmeno così tanto underground, sul (rullo di tamburi qui, please) gioco di (again rullo di tamburi) Carta, forbici e sasso! Regole, spiegazioni, tornei e società segrete… è tutto “strategggggismo”, che in questo periodo è così cool dirlo.

Per iniziare bisogna prima conoscere le basi del gioco, per cui i gesti riconosciuti internazionalmente.

Ecco l’amica Carta.

Fate ben attenzione, le dita devono essere chiuse, non deve filtrare nemmeno un po’ di polvere o della luce. Pena la squalifica. Non piegate il polso, potrebbero guardarvi torvo.

Ecco le Forbici (vuole il plurale, idiota chi non lo sa)

Il gesto più difficile. Riuscite a far sì che fra il vostro indice e il vostro medio ci sia un angolo di 45°? Non è cosa comune come leccarsi il gomito, toccare la punta del naso con la lingua o mettere la gamba dietro la testa.

Il Sasso

Anche qui attenzione al particolare! Il pollice deve stare all’esterno delle altre dita, il rischio è un serio danneggiamento osseo. Immaginate che il vostro avvesario sia Chuck Norris e vi scontrate contro un suo eventuale sasso… Dolore eh?

Universalmente riconosciute le regole, se nn le sapete è perchè nn ci avete mai giocato e siete persone legalmente tristi. Un breve ripasso:

Carta vince su Sasso
Sasso vince su Forbici
Forbici vincono su Carta

Regole di Comportamento

Eh sì, cari miei, è fondamentale sapersi comportare anche quando lanciate delle forbici (mi raccomando non correte con le forbici in mano, non ascoltate i consigli di Burroughs).

Indi per cui: tutti a 90°. No, non è quello che pensate voi, piccole testoline malate, e nemmeno la temperatura del lavaggio in lavatrice delle mutande di Homer Simpson.

The Prime

Il lancio di prova dello shuttle. Fin dall’antichità questo rituale era utilizzato per coordinare i tempi di “lancio della propria mano” dimodoché (se ve lo state chiedendo, sì, si scrive così e mi andava di scriverlo) i concorrenti fossero in perfetta simultanea. Questa procedura è fondamentale, se i partecipanti non sono perfettamente in synch bisogna ricominciare da capo. Attenzione però dove giocate: in Europa di fanno 3 lanci di sincronizzazione, negli States solo 2. Insomma loro durano meno. Avvertenze: se anche voi, come me, avete un piccolo problema al gomito, per cui esso sembra quasi piegarsi in senso contrario, veemenza e foga non sono vostre amiche.

Approach & Delivery

No, non stiamo parlando di consegna pizza. Il delicato momento dell’approach è la fase fra il Prime (ciò che ho appena detto lassù, fare attenzione) e la Delivery (la scelta fra c,f e s). è il momento in cui il giocatore sceglie la propria strategia e la mostra pochi attimi prima di quando il braccio è esattamente a 90° con il resto del corpo. (Guardare la figura qui a lato, non intendo nessun braccio a 90° oltre a questo qui mostrato.)

E siccome esiste un’infografica per tutto (o quasi), concludo con la seguente… (c’è anche un accenno a Spock… ma Lizard come la prenderà? Chiediamolo a Sheldon! Chi è Sheldon? Piss off!)


About Marlene

So geek.
This entry was posted in Bubbole & Corbellerie and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s