Il Seggio Vacante (The Casual Vacancy)


Premessa: ho divorato i libri di Harry Potter, li consiglierei a chiunque, li rileggerei di continuo e amo tutti i personaggi presenti.

Quindi, partendo da questo presupposto, le aspettative per il nuovo libro della Rowling erano un “tantino” alte.

images

Siamo in un paesino del Regno Unito, Pagford, apparentemente un idilliaco borgo inglese, ma si capisce subito che qualcosa sta per cambiare: il Parish Councillor muore improvvisamente a causa di un aneurisma e qualcun dovrà pur prendere il suo posto, no? Da qui il titolo del libro “Il Seggio Vacante”, quel seggio che tutti vorrebbero occupare, chi più, chi meno, per interessi personali. Nel mio immaginario Pagford è la tipica cittadina con un fiumiciattolo che scorre in mezzo al bosco, un parco giochi per bambini, la tipica piazza di ciottolato con gastronomia e pub e una serie di villette e zone residenziali, paese in cui gli abitanti vivono in pace e in armonia. Fino alla morte di Barry Fairbrother. Con la corsa al seggio cominciano a delinearsi i profili dei cittadini di Pagford e le loro antipatie, ma la descrizione dei protagonisti rimane sempre un po’ superficiale, non va mai fino in fondo nell’analisi del personaggio: perché Barry aveva preso così in simpatia Krystal? Solo perché lei era dei Fields (zona in cui lui era cresciuto)? Perchè Samantha bacia un sedicenne? Perché Fats è così meschino? La mia curiosità non viene soddisfatta, voglio sapere di più.

images (1)

Il libro si apre e si chiude con un funerale, è abbastanza scorrevole ma stenta a decollare, non ti inchioda alle pagine. Ovviamente non è una lettura per ragazzi sia per gli argomenti trattati sia per il linguaggio. Morte, tradimenti, droga, stupri… descritti però con una leggerezza che non mi ha convinto. La Rowling cerca anche di usare una terminologia piuttosto adulta e fa parlare i suoi protagonisti secondo l’estrazione sociale (l’ho letto in inglese e delle volte ho fatto davvero fatica a capire le discussioni fra Krystal e la madre) sarei curiosa di leggere l’adattamento italiano… ma anche no!

Conclusione: Harry, I Miss You.

Digested read - The Casual Vacancy by JK Rowling.

About Marlene

So geek.
This entry was posted in Topo da biblioteca and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s